Da vedere a teatro (IAT 17-23 novembre): circo e hip hop a Roma, musical a Milano, Brook e Kentridge in Toscana

Che c’è da vedere a teatro? La tua settimana teatrale (con video, foto e link) è con fattiditeatro e si chiama IAT – Invito A Teatro! Vuoi segnalare il tuo spettacolo? Usa i commenti qui sotto. Vuoi iscriverti a fattidinews (la nostra newsletter mensile)? Utilizza il form qui a destra. Consulta l’archivio IAT, e condividi questo post se vuoi!

Da vedere a teatro a Roma

Verso il finale di #ref14: questa settimana debutta l’Operetta burlesca di Emma Dante (T. Eliseo, 18-30). Da vedere anche il nuovo circo di STÉPHANE RICORDEL e OLIVIER MEYROU in scena con Acrobates (T. Vascello, 20-23). La danza di questa settimana: torna la DaCru Dance Company con il suo mix di hip hop theatre, breaking e danza contemporanea. La location è sempre la stessa, lo spettacolo cambia: Kaze Mononoke (Museo dell’Ara Pacis, 20). Torna anche Alchemy, l’ultima creatura di Moses Pendleton per la sua compagnia MOMIX (T. Olimpico, 18-30). Nell’ambito della rassegna Her.S, teatro femminile plurale, seconda settimana di repliche per A.R.E.M. Agenzia Recupero Eventi Mancanti (leggi un commento sulla replica l’anno scorso a Benevento Città Spettacolo) di e con Francesca Farcomeni, Noemi Parroni, Elena Vanni (T. Orologio, fino al 30). Segnalo anche Pen (T. Studio Uno, 20-23) e Ansia da prestazione paterna (T. Duse, 20-23).

Da vedere a teatro a Milano

spring7

Spring Awakening

Da Broadway un musical politicamente scorretto che promette scintille: SPRING AWAKENING tratto da RISVEGLIO DI PRIMAVERA di Frank Wedekind (T. Menotti, fino al 20). Due appuntamenti interessanti al T. Verdi: Il banco vuoto sul fenomeno giapponese degli Hikikomori ovvero i “reclusi”: i ragazzini alienati dal web (18-19) e la performance site specific dell’artista cino-malese H. H. LIM TORNARE AL SENSO COSTRUTTIVO nel’ambito di If (21-22). Un doppio appuntamento anche con Macelleria Ettore: Stanza di Orlando su Virginia Woolf  (T. Ringhiera, 20-21) e l’opera techno Elektrika (T. Ringhiera, 22-23). Debutta BRUTTO di Marius von Mayenburg: una satira feroce sullo straniamento che si vive oggi in rapporto al proprio aspetto e al proprio corpo (T. Filodrammatici, 20-30). Ha debuttato anche Frammenti di contemporaneità (Meno emergenze) per la regia di Francesco Leschiera e Chris White: una raccolta di tre testi scritti da Martin Crimp (fino al 23).

Da vedere a teatro in Toscana

The Valley of Astonishment al Funaro di Pistoia

The Valley of Astonishment al Funaro di Pistoia

Firenze > A quasi un anno dalla morte di Nelson Mandela, in scena lo spettacolo sul dramma dell’apartheid di William Kentridge con la Handspring Puppet Comapny Ubu and the Truth Commission, riallestito per celebrare il 20° anniversario della democrazia in Sudafrica (T. della Pergola, 20-22). Primo appuntamento con la nuova edizione de La democrazia del corpo: ALTISSIMA POVERTÀ Duetti sulla trasmissione tra partigiani giovanissimi di Virgilio Sieni (CanGo, 22). Quuer Theatre: Vuccirìa Teatro con l’opera prima di Joele Anastasi Io mai niente con nessuno avevo fatto (T. di Rifredi, 18).

Pisa > Per Teatri di Confine 2014, Gabriele Marangoni – musicista fisarmonicista e compositore – presenta i risultati della sua residenza artistica Italia-Kosovo. Diffraction #1 è il primo studio di un’indagine che parte dal concetto di deviazione e mutamento rispetto a particolari condizioni sociali e situazioni storiche che portano al fenomeno e alla necessità di cambiamento e di deviazione (T. Sant’Andrea, 19)

Pistoia > The Valley of Astonishment di Peter Brook e Marie-Hélène Estienne, novità per l’Italia. Lo spettacolo arriva in Toscana per la seconda e ultima tappa italiana (dopo quella del debutto, al Teatro Stabile dell’Umbria), di un tour mondiale che tocca Stati Uniti, Giappone ed Europa (Il Funaro, 20-21).

San Sepolcro (AR) > Primo appuntamento anche con la nuova stagione di Kilowatt tutto l’anno: Maurizio Patella in LORO – Storia vera del più famoso rapimento alieno in Italia (T. alla Misericordia, 21 – prova aperta al termine della residenza dal 13 al 21 novembre)

Simone Pacini

Si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono state realizzate in 17 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per lo spettacolo dal vivo. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.

Acrobates

STÉPHANE RICORDEL | OLIVIER MEYROU

Kaze Mononoke

DaCru Dance Company

Ubu and the Truth Commission

William Kentridge / Handspring Puppet Company