Buon Natale + Love Development [fattidinews #35]

Ciao,
tanti auguri da fattiditeatro! Vuoi passare le feste di Natale a teatro? Ecco i miei consigli!
Prossimo appuntamento: fra pochi giorni (27-29 dicembre) si terrà la seconda edizione di #comunicacirco al festival Circumnavigando di Genova. Tornando al recente passato: leggi il report da Wonderland Critic a Brescia, scopri i vincitori del Premio Rete Critica assegnato al Teatro Verdi di Padova e guarda le novità della prossima NID Platform che si terrà a Gorizia in ottobre.
Il 2016 ci lascia con l’inizio di un nuovo progetto, realizzato insieme a Rossella Menna: si tratta di Love Development (qui maggiori info), un corso di “alfabetizzazione teatrale per spettatori di scuole superiori e università”.
 
dancing-santas-prod2
Guarda gli ultimi due #SelfieStick: con la Compagnia Ragli e con la Compagnia Turco Liveri/Condrò in residenza al Teatro La Fenice di Arsoli.
Infine, ti segnalo due articoli che ho scritto recentemente per Krapp’s Last Post:
Ancora buon Natale, e buon anno!
Simone
love development
Il modo migliore per salutare il 2016 è sognare un 2017 ricco di Love Development.
Insieme a Rossella Menna ho ideato un progetto di alfabetizzazione teatrale. Vogliamo che il più alto numero possibile di studenti si innamori del teatro. Che cosa accadrebbe se in ogni scuola, tra gli insegnamenti curriculari, si aggiungessero le performing arts? Abbiamo appena cominciato a Volterra, con una classe pilota: nel 2017 saremo in giro per l’Italia. Scopritene di più a questo link, e cercateci!

Simone Pacini

Si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono state realizzate in 13 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per lo spettacolo dal vivo. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.