Interviste, recensioni e approfondimenti

Ariane Mnouchkine e i fantasmi della “justesse” sociale per i 50 anni del Théâtre du Soleil

Ariane Mnouchkine e i fantasmi della “justesse” sociale per i 50 anni del Théâtre du Soleil

L’occasione è il cinquantesimo del Théâtre du Soleil, fondato nel 1964 da Ariane Mnouchkine. Per festeggiarlo, il Piccolo ha scelto di mettere in scena “La ronde de nuit” da un’idea della stessa regista, che il gruppo afgano Théâtre Aftaab (“sole” in lingua dari) ha saputo trasformare in creazione collettiva. Dopo aver rappresentato qualche spettacolo in patria,(…)

Le nuvole (barocche) di Carrozzeria Orfeo fra accademismi e suggestioni di De André

Le nuvole (barocche) di Carrozzeria Orfeo fra accademismi e suggestioni di De André

Forse più noti per il loro ultimo “Thanks for Vaselina”, testo pluripremiato e passato anche all’Out Off ad inizio stagione, questo “Nuvole Barocche” è l’opera prima di Carrozzeria Orfeo, che la compagnia fondata nel 2007 è tornata a riproporre dall’8 al 18 maggio ai Filodrammatici – dove dal 13 al 16 maggio terrà anche un(…)

Turri/Meola sono “Neighbors” al Tertulliano di Milano

Turri/Meola sono “Neighbors” al Tertulliano di Milano

Sembra un virus. In questi ultimi anni non c’è giovane o meno giovane, che non venga ammaliato dalla sirena del: “Quasi quasi me ne vado all’estero…”. E poco conta se la meta poi sia Londra, Berlino o New York. L’importante sembra essere andare. Come se l’altrove avesse necessariamente una valenza risolutiva differente dall’ hic-et-nunc; quasi(…)

Le Scimmie Nude ed Il rovesciamento della danza

Le Scimmie Nude ed Il rovesciamento della danza

Cos’è, in fondo, la danza, se non l’armonizzazione di quelle movenze, che il nostro corpo spontaneamente emetterebbe in modo certo più scomposto, senza l’imposizione di una regola dall’esterno? E viene subito in mente Tersicore, la musa della danza: le sue movenze aggraziate, le dita affusolate e pizzicare la lira d’accompagnamento per l’altrui esibizione. Ecco: se(…)

Il misantropo dei Marcido fra macchinazioni sceniche e significati reconditi

Il misantropo dei Marcido fra macchinazioni sceniche e significati reconditi

E’ senz’altro un allestimento da vedere,  “Il Misantropo” di Molière reinventato dai Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa in base ai canoni e cifra stilistica, che son loro propri. E, così, quel che ci appare subito di fronte è lo iato fra l’aderenza al testo, da un lato, e, dall’altro, la meravigliosa irruenza delle trovate scenografiche,(…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: