L’Operetta burlesca di Emma Dante torna a Roma dopo lo “sfratto” dell’anno scorso (consigli teatrali 19-25ott)

ROMA

Operetta burlesca - foto: Alessandra Simeoni

Operetta burlesca – foto: Alessandra Simeoni

Dopo l’interruzione delle recite per le note vicende del Teatro Eliseo dell’anno scorso, finalmente “torna” a Romaeuropa Operetta burlesca di Emma Dante (qui tutti gli approfondimenti su fattiditeatro) (T. Vittoria, 20-1nov). Tra circo e danza invece la seconda proposta di #REf15 per questa settimana: ADRIEN M / CLAIRE B con Le mouvement de l’air (T. Vascello, 22-25). Teatro internazionale al Teatro India: Il grande male, uno spettacolo civile dedicato al centenario del genocidio armeno, testo e regia Sargis Galstyan (19-21) e Dreamspell, diretto dalla studentessa Kamilė Gudmonait: ricca lettura del dramma di Strindberg, immersa in un’atmosfera di influenze turche, giapponesi e tibetane (23-24). Drammaturgia contemporanea: Anna Cappelli di Annibale Ruccello, regia di Rinaldo Felli con Claudia Pellegrini (T. Cometa Off, 20-25). Ultimo appuntamento con PRESENTE! RASSEGNA SU CONTEMPORANEO E FORMAZIONE progetto di Teatro Azione direzione artistica Kira Ialongo e Valentino Villa: in scena FRIGO PRODUZIONI con Socialmente (T. Azione, 23-25). Debutto in prima nazionale di Hitchcock. A love story, della compagnia CK Teatro, scritto da Fabio Morgan e diretto da Leonardo Ferrari Carissimi, con Anna Favella e Luca Mannocci (T. dell’Orologio, fino al 25).

MILANO

Incendi

Incendi

Un testo che un incendio al cuore: Incendi di Wajdi Mouawad (ero stato alla prima mise en space italiana in assoluto, leggi il racconto della serata), una produzione Sardegna Teatro con la regia di Guido De Monticelli (Piccolo Teatro Grassi, 20-25). Un teatro in un altro teatro: il Teatro Menotti al Verdi con BUONA NOVELLA. La Storia delle Storie di Emilio Russo. Le musiche sono di Fabrizio De André (23-1nov). Segnalo per la prima volta uno spazio aperto da poco: si tratta di Alta Luce Teatro, che presenta Affogato all’odio di Andrea Tibaldi: “Il gusto proibito dell’odio” (24-25). Al Parenti si danza: due spettacoli di Mathurin Bolze, entrambi ispirati al Barone Rampante di Italo Calvino: Fenetres (21-22 ottobre) e Baron Perchés (23 ottobre).

TOSCANA

L'apparenza inganna

L’apparenza inganna

Cascina (PI) > Debutto nazionale per CANTO di e con Serena Gatti e Raffaele Natale: due solitudini e un canto che le lega, che le attraversa. L’incontro. O immaginare un incontro. Due monologhi che si sorprendono in un dialogo a due voci (La Città del Teatro, 23).

Firenze > Teatro Sotterraneo in PATOGENO di Albert Ostermaier per Intercity Festival (T. della Limonaia, 19-25).

Firenze2 > MANFREDI PEREGO presenta due coreografie: Grafiche del silenzio + Horizon (prima assoluta) (T. Florida, 24).

Pistoia > Torna dopo 15 anni con un nuovo allestimento L’APPARENZA INGANNA di Thomas Bernhard con Sandro Lombardi e Massimo Verdastro, regia di Federico Tiezzi (T. Manzoni, 22-31).

Prato > Da lontano era un’isola – Il teatro-carcere di Metropopolare incontra la città: per la prima volta a Prato viene realizzata un’uscita di un gruppo di detenuti al fine di realizzare una performance teatrale al di fuori dell’istituto penitenziario. Saranno presenti gli attori-detenuti di Metropopolare che interpreteranno alcuni monologhi scritti di loro pugno in vista della nuova produzione teatrale. Ma non si tratterà solo di questo: sono previsti interventi delle autorità civili, militari e del personale dirigente della Casa Circondariale di Prato La Dogaia, sul tema teatro-carcere e sul valore artistico e trattamentale di questa esperienza. “Si tratta di un appuntamento fondamentale – commenta la regista del collettivo Livia Gionfrida – Vogliamo che diventi la prima tappa di un percorso incisivo all’interno della città.” (Officina Giovani, 21).

PLAYLIST

Guarda Selfie Stick. Un nuovo formato per il teatro (clicca qui!), la mia nuova rubrica su YouTube. Al momento con Tindaro Granata, Instabili Vaganti, Licia Lanera, Emiliano Masala e Riccardo Goretti.

Simone Pacini

Si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono state realizzate in 13 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per lo spettacolo dal vivo. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.

Leggi anche