Lose your labels: online il bando degli studenti IED di Roma

Cerchiamo progetti/opere/performances che attraverso l’interazione con gli spettatori indaghino il senso delle etichette che la nostra società ci attribuisce. Lose your Labels indaga il valore che la nostra società attribuisce alle definizioni che ci identificano, riflette sul concetto d’identità personale e lancia così una sfida agli artisti. I progetti selezionati saranno parte di un evento speciale il 18 febbraio alle Carrozzerie n.o.t. di Roma.

Lose Your Labels è il bando ideato da un gruppo di studenti internazionali del Master in Arts Management dell’Istituto Europeo di Design di Roma ed è indirizzato ad artisti che lavorano sul concetto di identità e identificazione.

Il bando è rivolto ad artisti (singoli, compagnie o collettivi) che operano nell’ambito della sperimentazione di nuovi linguaggi e forme espressive e ha come obiettivo la realizzazione di progetti artistici che vedano la partecipazione attiva del pubblico. L’intento è ospitare progetti legati al concetto di etichetta, nel senso più esteso del termine e gli artisti sono invitati a proporre progetti coerenti con la tematica scelta: identità, identificazione, etichetta, marca, marchio. Il bando è aperto a soggetti che operano tramite l’uso di tecniche differenti (quali storytelling, danza, fotografia, musica e/o video).

Lose your labels

I progetti selezionati saranno presentati al pubblico e agli operatori il 18 febbraio 2016 presso le Carrozzerie n.o.t. La serata, realizzata in collaborazione con 369gradi, sarà promossa e comunicata attraverso il network internazionale dello IED.

È possibile aderire al bando fino al 14 gennaio 2016, compilando il modulo di adesione disponibile sul sito web di Lose Your Labels oppure seguendo il progetto sulla pagina Facebook. Il 19 gennaio 2016 saranno resi noti i vincitori del bando. Per maggiori informazioni è possibile utilizzare l’indirizzo email: loseyourlabels@roma.ied.it.

lose your labels

Simone Pacini

Si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono state realizzate in 13 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per lo spettacolo dal vivo. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.