[vintage] La decadenza di Krapp

Visto a Prato, Teatro Fabbricone, il 18 novembre 2003 Giancarlo Cauteruccio torna al Teatro Fabbricone per la sua seconda messa in scena di L’ultimo nastro di Krapp di Samuel Beckett. Il tentativo di interpretare il disagio esistenziale del protagonista diventa per il fondatore della Compagnia Krypton un pretesto per mettere in scena la sua vita, nel teatro.(…)

Lampada incandescente per un corpo evanescente

Lampada incandescente per un corpo evanescente

C’è un corpo importante di donna, statuario, magnifico, sofferto. Lo si trova nel riflesso di un’ombra, nel decoro della luce stagliata sulla parete di fondo, nella forma effimera che muta e (si) rigenera. Si manifesta di fronte allo sguardo di chi s’interroga e scruta l’accadimento sulla scena, in cui si susseguono il tempo e lo(…)

PRIVATE PUBLIC INDIAN INTIMACY

PRIVATE PUBLIC INDIAN INTIMACY

«Il diritto alla città è come un grido, come una domanda» Henry Lefebvre “La metropoli indiana contemporanea. Come interpretarla? Come svelare le silenziose connessioni tra realtà e possibilità? Henri Lefebvre nel libro la “Rivoluzione Urbana” cita Holderlin: “L’uomo abita da poeta”. Questa frase è la traccia necessaria per interpretare la selezione di immagi- ni proposte:(…)

Sandro Lombardi e Roberto Latini alla prova di Pirandello

Sandro Lombardi e Roberto Latini alla prova di Pirandello

Difficile chiedere di più: un grande attore al tuo servizio, propenso al confronto e alla sperimentazione (Sandro Lombardi), una location da sogno con cui interagire (il chiostro del duecentesco Palazzo del Bargello di Firenze, sede del museo omonimo), un compositore-amico (Gianluca Misiti, cofondatore con Latini della compagnia Fortebraccio Teatro) che intercetta le tue volontà e(…)

[vintage] Un pappagallo metateatrale

[vintage] Un pappagallo metateatrale

Prato, Teatro Metastasio, novembre 2003  Un pappagallo viene calato dall’alto. Ripete con voce artificiale, metallica, lo stesso ritornello: realtà – finzione, realtà – finzione. Il significato del nuovo allestimento di Carlo Cecchi si concentra tutto in questo finale anomalo, incerto, colorato come le piume del pennuto. Il rito dei sei personaggi senza autore richiama ogni(…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: