Selfie avec l’artiste: ArteStudio alla Notte dei Musei con i richiedenti asilo

In occasione della Notte dei Musei di sabato 21 maggio, ArteStudio con il Mibact, nell’ambito del bando MIGRARTI, presenta in collaborazione con la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea la performance Selfie avec l’artiste. La performance vede in scena otto richiedenti asilo ospiti del C.A.R.A. di Castelnuovo di Porto che visiteranno per la prima volta le sale del Museo accompagnati dalla danzatrice Eva Grieco sulle note della fisarmonicista Rosaria D’Antonio. I giovani africani scopriranno grazie alla guida della danzatrice alcuni dei capolavori dell’arte moderna e contemporanea, davanti ai quali si faranno dei selfie con i loro telefonini. Da Van Gogh a Twombly, da Schifano a Fontana le opere disegneranno un nuovo immaginario per chi è fuggito dal proprio Paese a causa della guerra o della fame. In questo viaggio scenico le immagini tragiche di paura e disperazione sono sostituite dalle opere d’arte dei più grandi artisti contemporanei, volendo intendere la Galleria come luogo e azione di gesti artistici attuali di comprensione del nostro tempo.

La regia di Selfie avec l’artiste è firmata da Riccardo Vannuccini (leggi un’intevista) e dura ogni volta circa 20’. La performance fa parte del progetto TEATRO IN FUGA, dedicato da ARTESTUDIO alla questione delle migrazioni forzate che si svolge fra Roma e Beirut e coinvolge il Mibact, il Teatro Argentina (con lo spettacolo Respiro in scena dal 28 al 30 giugno del quale siamo social media partner) , Auxilium, la Fondazione di Liegro, il Centro Astalli, Programma Integra, Armadilla Ong, Makhzoumi Foundation. 

Ingresso ad 1 euro dalle 19.30 alle 22.30 – ultima entrata ore 21.45
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea
Via Gramsci 69 – Roma

Vincent-Van-Gogh-Selfie

Simone Pacini

Si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono state realizzate in 17 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per lo spettacolo dal vivo. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.