Teatro i

Ma questo è teatro? Spiluccando nell’estate milanese

Ma questo è teatro? Spiluccando nell’estate milanese

Ma questo è teatro? La domanda potrà forse sembrare irrilevante, ma se, da pubblico medio, vi capitasse di fare un giro per gli spazi di quest’estate milanese, v’imbattereste in una tale quantità di eventi – definiamoli così, per ora… -, che certo non vi lascerebbero indifferenti rispetto al quesito. Terminate le stagioni ufficiali e archiviati IT(…)

Milano: il Teatro i chiude (per quest’anno)

Milano: il Teatro i chiude (per quest’anno)

Bruttissima notizia: il Teatro i chiude! Ricordo la sua prima stagione, quasi carbonara (era il 2005, forse). In quegli anni stavo per iniziare una collaborazione con loro, poi mi chiamò Quadri alla Ubu. Da allora ho sempre seguito le attività del teatro, prima fisicamente poi “a distanza” (ma continuando a frequentarlo quando passavo da Milano). Una volta che(…)

“Talita kum”: non è solo un gioco da ragazzi

“Talita kum”: non è solo un gioco da ragazzi

Ha lo stesso suono sdrucciolo di: “Apriti sesamo!” o “Alzati e cammina…”, “Talita kum” – e ci riporta alle medesime atmosfere un po’ favola e un po’ suggestione dal retrogusto scritturale. “Talita kum”, infatti, è un’espressione, che troviamo nel Vangelo secondo Marco – ripreso poi in un paio di passaggi da Dostoevskij. E’ ciò che(…)

Generazione anni “80: “Noi, figli di nessuno”

Generazione anni “80: “Noi, figli di nessuno”

Una pièce lirica e surreale – di quelle, in cui è solo alla fine che i conti tornano -; onirica, a tratti – ma giocata sul filo sottile dell’inquietudine di chi pinterianamente non sa se, il proprio, sia un sogno o un’allucinazione. Così è questo “N.N. Figli di nessuno”, drammaturgia di Francesca Garolla e regia(…)

Federica Fracassi è Blondi: cagna innamorata del suo Führer

Federica Fracassi è Blondi: cagna innamorata del suo Führer

“Blondi”, testo di Massimo Sgorbani e per la regia di Renzo Martinelli, vede in scena una Federica Fracassi dalla restituzione mimica sorprendente. Attrice a tutto tondo, non è certo una scoperta di questa pièce; ma, qui, sa mixare in modo sublime la performatività dei vent’anni oramai lontani, unendovi tutta quella preziosa esperienza, precisione, introspezione attoriale,(…)