Teatro indipendente in Romania: Made in Ilva premiato a Costanza

Il nostro spettacolo MADE IN ILVA ha appena partecipato alla prima edizione del Blue Theatre FITIC – Festival Internazionale del Teatro indipendente di Costanza, in Romania dove ha vinto il Premio Speciale della giuria per il suo carattere innovativo e contemporaneo. Un successo che vogliamo condividere con tutti i nostri affezionati lettori invitandovi a riflettere su che cosa significa “Teatro Indipendente” oggi e nei vari paesi del mondo. Buona lettura e aspettiamo i vostri commenti.

Appena rientrati dal lungo tour in Cina non facciamo in tempo nemmeno a riporre gli oggetti di scena di MADE IN ILVA in magazzino che riceviamo un invito del tutto inatteso e last minute per partecipare alla prima edizione del festival Internazionale del Teatro indipendente di Costanza in Romania. Due curiose coincidenze ci colpiscono subito: l’acronimo del festival ed il termine Indipendente. Questo festival appena nato riassume la sua lunga dicitura in FITIC, manca solo una H finale rispetto al festival FITICH in Cile, dove saremo a novembre per il decennale del nostro progetto Stracci della memoria. Inoltre stiamo rientrando dal Nanluoguxiang Performing Arts Festival di Pechino, dove il nostro spettacolo era inserito nel programma alla voce “Indipendent Theatre”.
Il ragionamento che ci si para di fronte e al quale vi invitiamo a contribuire con i vostri commenti, nasce spontaneo: Cosa significa oggi essere “Indipendente”? Ha lo stesso significato in Italia come in Cina come in Romania?
Se in Cina “indipendente” è sinonimo di spettacolo non prodotto da un teatro nazionale o stabile, in Romania la faccenda è più complessa e questa “etichetta Indipendente” (non in senso musicale), denota un teatro a iniziativa privata che, a differenza del teatro statale, è libero di porsi sul mercato culturale alle condizioni desiderate. Mentre il vecchio sistema statale, dove gli attori trascorrono un’intera vita, stipendiati una miseria, deve attenersi a un costo molto basso dei biglietti, il teatro indipendente, nato nei club, e che molto spesso affianca alla scena il bar, può arrivare a chiedere cifre esorbitanti per un biglietto. Questo perché magari ingaggia un attore famoso rumeno, che con una replica nel teatrino off di turno guadagna quasi quanto il suo stipendio mensile nel teatro di stato! E’ interessante per noi, che assistiamo ad un vero e proprio dibattito sul tema, durante la conferenza stampa del festival, scoprire come questo teatro indipendente si stia creando un proprio mercato con un pubblico che, pur di sentirsi “libero”, sceglie di concedersi il lusso di pagare un biglietto che può arrivare a costare 10 volte quello di un teatro statale.

Fitic - Teatrul de Stat - Constanta

Fitic – Teatrul de Stat – Constanta

L’idea di portare il teatro indipendente a Costanza, località turistica per eccellenza della Romania, con il suo fascino decadente, i suoi edifici abbandonati, la commistione di antico romano misto a speculazione edilizia, dove chiese ortodosse convivono con moschee, vecchi casinò e sontuosi palazzi in rovina, si rivela un’idea vincente ed il successo di pubblico è sorprendente. D’altronde questa città è stata per quasi vent’anni in mano ad un giovane sindaco che spendeva tutto il budget per carnevali sfrenati con ballerine in topless (forse è per questo che fino a qualche anno fa esisteva un volo diretto Ryanair per Costanza, mentre ora ci è toccato un viaggio in bus di 3 ore e mezza da Bucarest!). La gente invece ha davvero voglia di cultura, ed è come se il teatro arrivasse per la prima volta in città. Il nostro spettacolo registra il sold out e rimaniamo commossi dal calore di un pubblico che applaude a scena a aperta, si alza in piedi e si avvicina al palco durante gli applausi. E la sorpresa continua, anche una volta tornati in Italia quando una liceale che era tra il pubblico ci contatta via face book facendoci i complimenti per il premio che abbiamo vinto. Ancora increduli consultiamo il web e riusciamo a capire da un articolo in rumeno sul Telegraf che il nostro spettacolo è stato premiato da una giuria di critici e noti attori della scena rumena.

Premio speciale della giuria a Made in Ilva - ph Francesca Pianzola

Premio speciale della giuria a Made in Ilva – ph Francesca Pianzola

La gioia è tanta così come la soddisfazione, ma quello che rimarrà per sempre con noi di questa esperienza all’estremità orientale dell’Europa, sono proprio i complimenti e le parole di giovanissimi spettatori, che hanno trovato nel nostro spettacolo la forza per scegliere di seguire un percorso artistico nella loro vita. Oggi siamo in vena di condivisioni perciò vi lasciamo con le loro parole giunte a noi attraverso messanger con tanto di icone sorridenti:

Hello! I’ve seen you playing tonight and I really wanted to let you know that you’re a genius, just in case you didn’t know it.I left the theatre 2 hours ago and I still feel it..well I can’t really explain what I feel but I know for sure that you made me feel it. And damn those questions. What do you dream at night? I know what you meant. And I smiled. I smiled with all my heart thinking about what I dream at night. And you know what? My dream is your reality. I’m just a kid dreaming to make art his entire life. And I look up to you. I truly see you as an example. You’re only doing what you feel deep in your soul. You’re living and loving your art/life. I don’t want to just “work” and “produce”. I want to live, to love, to make art. I want to be like you when I grow up. Thank you so much for inspiring me on such a deep level.

Cristina Maria Misirgic

Thank you for the amazing moment that you shared with us on stage tonight at the theatre!You made me think at the meaning of this unique existence that we have on this Earth. I will remeber this and I will keep it in my mind as a guide line in following my path.you were brilliant ;you spread so much energy and emotion .I hope one day I’ll be almost as good as you. Thank you again. I guess this happens when you are pursuing the right things in life ;when you follow your dreams.Good luck ,I wish you the best

Iulia Mardar

Aspettiamo le vostre opinioni sul teatro indipendente, torneremo presto a raccontarvi un’altro avventuroso tour del Centro e Sud America tra ottobre e dicembre 2016 rigorosamente su Instabili Vaganti On tour per fattiditeatro.

Greetings from Constanta – FITIC Festival – Romania

Greetings from FITIC - Constanta

Greetings from FITIC – Constanta

 

Instabili Vaganti
Follow us

Instabili Vaganti

Theatre company at Instabili Vaganti
Fondata a Bologna nel 2004 da Anna Dora Dorno e Nicola Pianzola, la compagnia porta avanti una ricerca quotidiana sull’arte dell’attore e del performer e sulla sperimentazione dei linguaggi contemporanei. Instabili Vaganti opera a livello internazionale nella creazione e produzione di spettacoli e performance, nella direzione di progetti, workshop e percorsi di alta formazione nel teatro e nelle arti performative. Dal 2014 la compagnia cura la rubrica Instabili Vaganti on tour su fattiditeatro scrivendo diari di viaggio teatrali e reportage dei propri progetti internazionali in vari paesi del mondo.
Instabili Vaganti
Follow us

Leggi anche