Vuoi partecipare al Suq Festival 2018? Hai tempo fino al 31 dicembre

Le call per partecipare al Suq Festival 2018. Scadenza 31 dicembre 

Il Suq Festival 2018 (ventesima edizione), best practice d’Europa per il dialogo tra culture, si terrà al Porto Antico di Genova dal 15 al 24 giugno 2018, e al centro avrà la Rassegna “Teatro del Dialogo”, dal 2014 sostenuta dal MiBACT, che ne arricchisce la qualità artistica e l’offerta culturale. Per partecipare con uno spettacolo si può compilare il form che si trova sul sito. La scadenza è il 31 dicembre 2017.

È richiesto e valutato positivamente:

  • Presentare uno spettacolo in sintonia con gli obiettivi interculturali del Suq Festival.
  • Avere scenografie agili, che si possano adattare anche a spazi non teatrali.
  • Avere caratteristiche di multidisciplinarietà dei linguaggi artistici: prosa, musica, danza..

Da 20 anni il Suq Festival e la Compagnia del Suq, promuovono la conoscenza e il dialogo tra culture, l’integrazione e l’inclusione sociale attraverso proprie produzioni e spettacoli ospiti, che corrispondano ai suoi obiettivi. Negli anni tanti sono stati gli artisti e le Compagnie che vi hanno preso parte, a cominciare da Pippo Delbono, Mario Perrotta, Marta Cuscunà, Ascanio Celestini, Moni Ovadia, Marco Baliani, Compagnia Teatro Utile, Eugenio Allegri, Teatro delle Albe, Mimmo Cuticchio.

Sua Festival 2018

La Rassegna teatrale tocca vari luoghi scenici di grande fascino e originalità:  Piazza delle Feste, Chiesa di San Pietro in Banchi, Museo Luzzati, Isola delle Chiatte, Palazzo San Giorgio (a Genova) e Museo Preistorico dei Balzi Rossi (a Ventimiglia).

Per capire l’atmosfera del SUQ , si può dare un’occhiata al video della passata edizione (qui sotto) e al report con immagini e risultati.

Ci sono anche le Call per chi vuole esporre artigianato e partecipare come ristoratore. È possibile chiedere ulteriori dettagli via email a festival@suqgenova.it  o telefonando alla segreteria del Festival: cell.  329.2054579

Simone Pacini

Si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono state realizzate in 17 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per lo spettacolo dal vivo. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.