Tovaglia a Quadri: ad Anghiari una comunità in scena (e a cena)

Sono stato ad Anghiari, nel cuore della Valtiberina in provincia di Arezzo, per la XXVI edizione di Tovaglia a Quadri, cena toscana con una storia da raccontare in quattro portatecon drammaturgia originale di Paolo Pennacchini e di Andrea Merendelli, che ne cura anche la regia, interpretata dagli abitanti della Valtiberina.

Filocrazia è il titolo di questa edizione speciale (l’anno scorso era saltata, al posto dello spettacolo era stato realizzato il film Pan de’ mia) che quest’anno si è spostata per la prima volta dopo 25 anni dal cuore di Anghiari al castello di Sorci. “Quel che è accaduto nel mondo ha cambiato le regole e ci ha “sfollato” in una nuova sede – dichiarano i due drammaturghi – Un luogo pieno di storia antica e di storie recenti, un castello che è anche una locanda dove da 50 anni transitano artisti, attori, scrittori e giornalisti: il Castello di Sorci. In particolare, il suo cortile nobile, fra la chiesetta e il bastione, forse di origine etrusca”.

Il nome è un omaggio alla celebre tovaglia simbolo del progetto e griffata “Busatti” ovvero la storica tessitura artigianale anghiarese, nata nel 1842. Ma Tovaglia a Quadri è molto di più di una “cena-spettacolo”. È un’esperienza creata apposta per lo spettatore. È un’immersione completa nella storia di un territorio e nella memoria della sua comunità. È l’occasione per conoscere le storie uniche che hanno attraversato e attraversano quei luoghi: dai canti contadini alla omologazione della politica locale recente fino al ricordo della memorabile residenza di Roberto Benigni e Massimo Troisi, che proprio in quel castello concepirono “Non ci resta che piangere”.

È un momento, infine, per ritrovarsi a tavola, fra amici ma anche fra sconosciuti, a condividere un momento di bellezza e arricchimento collettivo difficile da dimenticare.

Un’esperienza da provare, che omaggia il quarantennale “format” del Teatro Povero di Monticchiello aggiungendo la componente culinaria, donando cultura e memoria anche allo stomaco, oltre che al cuore. Lo spettacolo replica fino al 19, tutte le info sul sito ufficiale.

Il menu

DA MANGIARE

Quadrotto di focaccia
Crostini rossi e neri

Bringoli al sugo finto
Stracotto di vitello al Chianti
Tortino di verdure

Torcolo e cantucci

DA BERE

Acqua
Vino rosso
Vinsanto del contadino
Caffè d’orzo al rum

Gallery

Correlati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi ricevere "fattidinews" la newsletter mensile di fattiditeatro?

Lascia il tuo indirizzo email:

maggio, 2022

X