Vetrina della giovane danza d’autore: fattididanza a Ravenna!

Sono stato, per la prima volta, alla Vetrina della giovane danza d’autore (leggi una presentazione) che si tiene ormai da venti anni a Ravenna organizzata nell’ambito del festival Ammutinamenti. Una bella occasione di confronto fra compagnie e coreografi emergenti con i programmatori della rete Anticorpi XL (praticamente il gotha della danza contemporanea nazionale). Un’importante occasione per me di conoscere le attività del network, attivissimo con ben 8 progetti grazie alla fervente attività delle sue fondatrici Monica Francia e Selina Bassini. Oltre alla Vetrina, ho trovato particolarmente interessanti i progetti Nuove Traiettorie XL (un percorso di formazione con docenti e operatori per giovani autori non ancora maturi per la Vetrina ma potenzialmente interessanti) e Prove d’Autore XL (ogni anno un giovane coreografo ha la possibilità di confrontarsi con giovani danzatori di formazione accademica: quest’anno è toccato a Nicola Galli con la Compagnia Balletto di Toscana Junior.

Vetrina della giovane danza d'autore

Monarch:Antigone di Mattia De Virgiliis

Ho visto in tutto 14 spettacoli e mi preme segnalare i più interessanti. Sicuramente la danza-mimo, ironica e slanciata di Andrea Costanzo Martini (What Happened in Torino?) ma anche l’originalissima immagine creata da Olimpia Fortuni (Soggetto senza titolo): un fantoccio underground dalle mosse di marionetta su sottofondo musicale che mixa comizi da rivoluzione sudamericana all’elettronica. Bella anche la sequenza di immagini create da Masako Matsuhita (TaikokiaT): grazie al suono del tamburo “taiko” la tradizione giapponese incontra la contemporaneità. Infine, è pregevole anche lo sforzo “produttivo” (8 danzatori in scena, record per la Vetrina) di Mattia De Virgiliis (Monarch: Antigone) in cui si nota l’influenza del suo maestro Hofesh Shechter.

Ho fatto un tweet per ogni spettacolo, cercando di asciugare il testo della presentazione per far emergere le parole chiave più calzanti. Parole non mie quindi ma degli autori. Ho inoltre caricato una foto realizzata durante la vetrina di Ravenna, taggando gli “stakeholder” (membri della vetrina, partner ecc.). I risultati possono essere definiti “appunti condivisi” e interattivi. Chiedo a tutti uno sforzo con un retweet e/o un’interazione, in questo modo aumentano le visualizzazioni e di conseguenza la visibilità per l’artista e la vetrina. Al momento il tweet più visto è quello di Olimpia Fortuni con quasi 700 visualizzazioni, per uno spettacolo di Romaeuropa sono arrivato a tremila! Ecco i tweet, potete cliccarci sopra per interagire:

Altri link fattididanza:

#comunicadanza a Brindisi per NID Platform 2013

Due giorni a Pisa (e Pontedera) per NID Platform 2014

Recensioni 2008/2015

Simone Pacini

Master in Management per lo spettacolo alla SDA Bocconi, si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione nel settore delle performing arts e degli eventi dal vivo. Esperto di social media e blogger, nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione teatrale 2.0. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.

Leggi anche