Il circo incontra il tennis: Cirko Vertigo e le ATP Finals di Torino

Il circo incontra il tennis: si è tenuta ieri sera a Palazzo Madama la “Starry night Gala” ideata da Sergio Momo, il maestro torinese fondatore della profumeria di lusso Xerjoff per il lancio di Torino 21, il profumo delle Nitto Atp Finals, la gara tra i primi 8 al mondo che chiude la stagione del circuito maschile di tennis e che si svolge da quest’anno (e per cinque anni) a Torino.

Probabilmente ne hai sentito parlare per l’infortunio capitato al nostro Matteo Berrettini al match d’esordio. Costretto al ritiro, è stato sostituito dalla prima riserva che il caso ha voluto fosse un altro italiano: Yannick Sinner, trionfante ieri sera.

Mentre Sinner demoliva il polacco Hurcacz al Pala Alpitour, a Palazzo Madama Fondazione Cirko Vertigo andava in scena con uno spettacolo creato appositamente con i suoi migliori artisti, accompagnati dalla colonna sonora di Max Casacci, fondatore dei Subsonica, che ha creato il brano “ATP finals but the bass”, integralmente realizzato con suoni, rumori e voci del tennis, ad eccezione del basso, unico strumento. Sul brano di Casacci si sono esibiti gli acrobati di Fondazione Cirko Vertigo, in un suggestivo duo aereo. A esibirsi su tessuti e cerchio aerei, danza a terra e mano a mano, filo teso, trampoli e cinghie aeree sono stati: Alexandre Duarte, Elisa Mutto, Rachele Grassi, Sara Frediani, Emmanuel Caro, Edvige Ungaro, Lara Quaglia, Irene Caroni e Amos Massingue, diretti da Paolo Stratta.

Alla serata non è mancato proprio nulla: i tre chef stellati Davide Scabin, Maurilio Garola e Matteo Baronetto si sono lasciati ispirare dal tennis nel creare piatti e sapori, mentre il vino è arrivato da importanti filari come quelli di Ceretto, Damilano e Tenute Pavesio.

Rivivi l’atmosfera della serata con le immagini del nostro amatissimo Andrea Macchia: