Da vicino nessuno è normale dritta verso l’eresia della felicità

Con il ritorno della bella stagione, riecco una delle più interessanti rassegne estive del teatro milanese – nel 2016 festeggerà la ventesima edizione -, che quest’anno propone nomi come Fanny&Alexander, Societas Raffaello Sanzio, Compagnia Cuolo/Bosetti, Claudio Morganti e Antonio Latella, solo per citarne alcuni. “Da vicino nessuno è normale”, questo il titolo, ad indicare i luoghi, in cui è nato: l’ex Paolo Pini, ex struttura manicomiale all’interno di un parco all’estrema periferia nord di Milano, ora riconvertita in un centro di aggregazione, produzione e diffusione di cultura e integrazione socio-lavorativa di persone con problemi di salute mentale. E’ gestito da una Onlus – Olinda, appunto -, impegnata da anni in diversi progetti correlati: e, così, recandosi nei luoghi della rassegna estiva, si può decidere di trascorrere lì l’intera serata, approfittando della proposta del bar ristorante Jodok e, venendo da fuori, c’è pure la possibilità di pernottamento all’OstellOlinda.

Alessandro Argnani, Marina Messina, Thoma Emmenegger e Felice Romeo

Alessandro Argnani, Marina Messina, Thoma Emmenegger e Felice Romeo

Questo, il valore aggiunto. Poi, però, per chi sia appassionato di teatro, quello è il luogo di un’interessante kermesse estiva, “dove puoi vedere gruppi, che difficilmente vedi passare altrove e puoi fare teatro con la giusta lentezza… vivere di teatro”, ha commentato, ieri, in conferenza stampa, Alessandro Argnani – direttore della non-scuola del Teatro delle Albe. Ci ha tenuto a definirlo “il mio parco giochi”, quest’appuntamento residenziale – con tutto il peso e la portata di parole pronunciate da chi proviene dalla “Romagna, il ‘giochificio’ d’Italia”, si è schernito, e del ‘gioco’ ha fatto la sua professione vocazionale. “La non-scuola è un vivaio teatrale finalizzato ad incontrare le nuove generazioni, mettendo al centro il teatro. Dal “93 300 ragazzini all’anno scuotono il nostro teatro: e questo non ci permette di addormentarci”, ha spiegato, raccontando della valenza virale di questo progetto, che ha creato focolai in varie parti d’Italia (“Arrevuoto” a Napoli o “Capusutta” a Lamezia), ma poi anche in Senegal. Il tutto confluirà in quell’evento corale – “Eresia della Felicità”, ispirato al Majakovskij ancora arrabbiato -, che si terrà, a conclusione del mese e mezzo di appuntamenti (dal 21 al 25 luglio), nei fossati del Castello Sforzesco – all’interno delle manifestazioni EXPO. Prima di lasciare la parola a Rosita Volani, Direttrice Artistica del Festival, hanno fatto i loro interventi Marina Messina, portavoce degli auguri dell’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, e Felice Romeo, Coordinatore Welfare di Legacoop Lombardia, che ha sottolineato la forza e tenacia con cui questo progetto non solo artistico e culturale si è ripetuto negli anni – tanto da suggerirle l’arguto accostamento ‘Thomas Schwarzenegger‘, giocando col cognome di Emmenegger, Presidente di Olinda.

da vicinoEra stato proprio lui a inaugurare la conferenza stampa, soffermandosi sulla duplice valenza di quella lumaca, che campeggia sulla locandina dell’edizione 2015 – e affiora pure, nella sua versione ‘design’ in confettate monocromie dal sapor di sorbetto, nei luoghi della nuova Darsena per EXPO. “La lumaca è una metafora che racconta: 1. il lavoro del teatro, che (qui) si svolge tutto l’anno, lentamente”, ha spiegato, richiamandosi alla dimensione “collettiva” di quel “fare teatro” delle compagnie in residenza: “che mangiano con noi” – di contro alla “logica dell’evento”: l’istantaneo mordi e fuggi, che si consuma nel breve lampo della fruizione. “Lumaca anche per il Paolo Pini in quanto tale”, ha aggiunto, accennando alla lunga e spesso silente opera dell’associazione, canalizzata verso un progetto d’inclusione della città – “Laddove questa voglia lasciarsi coinvolgere…” – e pensata, insieme al Comune, per festeggiare i 20 anni di attività, l’anno prossimo. Lo trasmette in modo efficace, la locandina: la lumaca, a ben guardarla, li porta ‘incisi sul guscio’ – tatuati, quasi, sulla sua scorza di cristalli e lamine di carbonato di calcio –, quei luoghi ‘altri’. Sono gli spazi dell’inclusione, della condivisione e dell’incontro, che l’abnorme gasteropode, porta con sé – in un ideale titanico tentativo di umanizzazione dell’orizzonte metropolitano.

Ma oltre a sapere cosa c’è stato, quest’inverno – dai progetti per il festival ai laboratori come quello con attori under 35, di cui ha parlato Roberto Rustioni, e che confluirà in “Ramayana”, a coronare la sua residenza (percorso del tutto analogo a quello delle altre due: Teatro delle Moire e Piera Principe, entrambi presenti alla kermesse, rispettivamente con “Sante di Scena” e “Guardami”) – ecco che finalmente la Direttrice Artistica ha illustrato il programma.

Dunque l’appuntamento sarà dal 15 giugno al 25 luglio, a Olinda – ex Paolo Pini, Via Ippocrate 45, Milano. A seguire i dettagli:

* dal 9 al 14 giugno: Societas Raffaello Sanzio
“GOLA. In tre movimenti”

Concezione e Direzione Chiara Guidi in collaborazione con Alessandro Scotti
(esito del Laboratorio aperto a tutti:; info e iscrizioni 02 66200646olinda@olinda.org)

* Sabato 20 e domenica 21 giugno: Accademia Arte della Diversità / Teatropersona
Bolzanodanza 2014 / Lebenshilfe
“NESSUNO SA DI NOI” di Antonio Viganò e Alessandro Serra – con Mattia Peretto e Julie Stanzak

* Martedì 23 e mercoledì 24 giugno: Cuocolo/Bosetti / Iraa Theatre / Il Funaro
“MM&M – MOVIES, MONSTROSITIES AND MASKS” con Roberta Bosetti e Renato Cuocolo

* Venerdì 26 giugno: Michele Sinisi
“NOW. Una prova su Riccardo III”, scritto con Francesco M.Asselta

* Sabato 27 e domenica 28: Teatro delle Albe
“IL VOLO. La ballata dei picchettini”

* Martedì 30 giugno: Piera Principe
“GUARDAMI”. Regia di Gian Luca Massiotta

* da mercoledì 1 a venerdì 3 luglio: Esecutivi per lo spettacolo
“MIT LENZ” con Claudio Morganti e Antonio Perrone

* Sabato, 4 luglio: “MILANO IN 48 ORE” | “ISTANT MOVIE FESTIVAL: girare un corto a Milano in 48 ore, la sfida continua!”
Proiezioni e Premiazioni Sabato, 4 luglio (per gli INTERESSATI: Convocazione venerdì 19, h 20; Consegna domenica 21, h 20 – info su www.milanoin48ore.org)

* Domenica, 5 luglio: “RECITA DELL’ATTORE VECCHIATTO NEL TEATRO DI RIO SALICETO” di Gianni Celati, letto da Elena Bucci e Claudio Morganti

* Martedì 7 e mercoledì 8 luglio: Fattore K / I Teatri del Sacro
Armunia Festiva / Olinda
“RAMAYANA”, drammaturgia Chiara Boscaro, ideazione, adattamento e regia Roberto Rustioni

* Venerdì 10 e sabato 11 luglio: E / Fanny & Alexander
“KRIMINAL TANGO”, ideazione e regia Luigi De Angelis, con Marco Cavalcoli

* Domenica 12 luglio: 369 Gradi / Armunia Festival
“ELETTROCARDIODRAMMA” di e con Leonardo Capuano

* Martedì 14 e mercoledì 15 luglio: Teatro delle Moire
“SANTE DI SCENA” di e con Alessandra De Santis, Cinzia Delorenzi e Attilio Nicoli Cristiani

* Gioved’ 16 luglio: Stabile/Mobile / Compagnia Antonio Latella
“CARO GEORGE” di Federico Bellini, con Giovanni Franzon, regia di Antonio Latella

* Venerdì 17 e sabato 18 luglio: Campagnia Katzenmacher
“ESTERNISCESPIRIANI” ideazione e regia Alfonso Santagata

* Da martedì 21 a sabato 25: Teatro delle Albe / Olinda
“ERESIA DELLA FELICITA’. Creazione e cielo aperto per Vladimir Majakoskij”
Ideazione Marco Martinelli ed Ermanna Montinari

Francesca Romana Lino

Francesca Romana Lino

Teatrofila per passione...
...blogger per voyeristica necessità!
Francesca Romana Lino

Leggi anche