Se dico danza a cosa pensi? Call del Teatro della Tosse per Resistere e Creare 2018

Dal 23 novembre al 2 dicembre 2018, al Teatro della Tosse di Genova va in scena la IV edizione di Resistere e Creare, la rassegna internazionale di danza firmata da Michela Lucenti Marina Petrillo che quest’anno parte da una domanda “Se dico danza a cosa pensi”? Il quesito è il sottotitolo dell’edizione 2018 ma anche una “call to action” con cui il Teatro della Tosse e Balletto Civile invitano il pubblico a “creare” con loro. Una domanda reale, non uno slogan a cui spettatori e non spettatori, esseri reali e avatar, anime antiche, esploratori del presente, pionieri del futuro possono rispondere creando o condividendo un testo(massimo 140 caratteri), una foto, un video, un disegno, un link, un audio. Postando il contenuto su Facebook o Instagram con #sedicodanzaacosapensi e @teatrodellatosse e @fattiditeatro (o inviandolo come messaggio privato) si partecipa alla selezione che vedrà tre vincitori a cui verranno assegnati altrettanti pass per dieci spettacoli a scelta della Stagione della Tosse da novembre 2018 a maggio 2019.

I materiali ricevuti verranno via via condivisi sull’evento Facebook ufficiale e saranno esposti in una mostra collettiva nel foyer del Teatro della Tosse, che si comporrà progressivamente e verrà inaugurata il 23 novembre, giornata di apertura della rassegna. La “raccolta” tenterà di indagare la percezione di un codice espressivo, la danza, che può essere allo stesso tempo istintivo e formale, intimo e collettivo, primordiale e contemporaneo, immediato e irraggiungibile.

Parte naturalmente dalle scelte del cartellone di “Resistere e Creare” questa linea di ricerca basata sulla multidisciplinarietà, la ricerca espressiva, il tentativo di dialogo con la comunità non solo teatrale. Dal 23 novembre al 2 dicembre, a Genova si potrà assistere a spettacoli o prendere parte a laboratori che mettono insieme danza, parola, acrobatica, balli di coppia, balli della tradizione orientale, performing art, contact improvisation. Tutto il programma su www.teatrodellatosse.it.

 

Simone Pacini

Si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono state realizzate in 17 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per lo spettacolo dal vivo. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.