T Danse 2018: ad Aosta un modello di festival

T Danse 2018 è stata un’altra edizione memorabile! Perché in soli tre anni il festival ha già delineato le sue specificità vincenti. Ne cito tre. Intanto, su invito dell’organizzazione, tutti gli artisti e gli ospiti sono invitati a restare per tutto il festival (ospiti nelle case degli aostani). In questo modo ci si conosce, ci si confronta e si crea una vera comunità temporanea certe volte impossibile in qualche festival mordi e fuggi. Inoltre, quest’anno c’erano addirittura 120 ragazzi del Liceo Artistico a frequentare il festival, impegnati in vari percorsi per l’alternanza scuola/lavoro (qui alcune mie riflessioni a riguardo). Dai laboratori agli allestimenti, dalla comunicazione a #Comunicadanza. Questi ragazzi non sono solo pubblico (pagante, a un prezzo super ridotto) ma anche l’innesto di tantissima energia e la possibilità di attuare un confronto intergenerazionale!

Infine, a T Danse il cartellone è composto con intelligenza, prendendo come spunto la danse et technologie del sottotitolo, ma spaziando in ogni forma di spettacolo dal vivo: dal teatro alla musica alla performance. E quindi accanto ai nostrani Fabio Ciccalè (grande successo per il suo Indaco), Sotterraneo (finalmente ho visto Overload, che meraviglia!) e 7-8 chili (ho goduto vedendo Ciak, da vecchio cinephile) trovano spazio compagnie di danza a me sconosciute come i tedeschi Go Plastic Company guidati da Cindy Hammer (che provano a danzare la fantascienza) e gli austriaci Hungry Sharks che declinano l’attualissima F.O.M.O. (Fear Of Missing Out, paura di perdersi qualcosa) della nostra società ultraconnessa in passi di Breaking, Popping, Locking, HipHop-Freestyle e House.

Senza dimenticare lo spettacolo finale (che sarebbe meglio chiamare festa): Melting Pot di Marco Torrice, coreografo romano che abita a Bruxelles. Una sala adibita a discoteca, un sound travolgente, dieci performer (danzatori professionisti, attori ma anche fanatici del clubbing) che iniziano a ballare grazie ad una serie di griglie e all’improvvisazione. In un crescendo quasi estatico le teste degli spettatori cominciano a muoversi a ritmo, i virtuosismi dei danzatori certe volte prendono il sopravvento ma a un certo punto accade ciò che tutti si aspettavano: gli spettatori cominciano a danzare con i performer. Ecco che i confini saltano, lo spettacolo entra dentro gli spettatori e viceversa. La danza prende le distanze dalla rappresentazione: è più coinvolgente e tutti possono praticarla. Un esperimento davvero interessante che mi piacerebbe rivedere magari in un contesto metropolitano.

Contest #Comunicadanza

Foto di rito dopo la premiazioni. Da sinistra: Simone Pacini, le vincitrici Francesca e Mihaela, Smeralda Capizzi di Tida, la condirettrice artistica Francesca Fini e il vincitore dell’anno scorso Filippo Maria Pontiggia

Anche quest’anno insieme alle tre II del Liceo Artsitico abbiamo realizzato il contest per #Comunicadanza. Con Instagram i ragazzi sono entrati dentro al festival (partecipando anche alle masterclass), hanno realizzato dei post davvero curati e creativi, sforzandosi di aggiungere sempre una caption all’immagine (con un po’ troppe “frasi tumblr” se devo essere sincero! ;-)). Trovate tutti i post su Instagram con #ComunicadanzaAOSTA. Ecco gli screenshot dei migliori (tra cui i vincitori):

Copertina

Foto di @artedaparteaparte (@mag_tamio_ e @gazzolacamilla) per #ComunicadanzaAOSTA #TDanse

Correlati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi ricevere "fattidinews" la newsletter mensile di fattiditeatro?

Lascia il tuo indirizzo email:

maggio, 2022

X