IAT 20-26gen > Andrea Baracco, Marta Cuscunà, Gli Omini

Roma > Il Giulio Cesare / Julius Caesar di Andrea Baracco è al T. Vascello (21-2feb). Ancora Pinter nella Capitale: Una Specie di Alaska con Sara Bertelà, regia Valerio Binasco è al T. Biblioteca Quarticciolo (24-26). L’Orchestra di Piazza Vittorio ancora al T. Olimpico con Il giro del mondo in 80 minuti (21-26). Superstar, scritto e diretto da Fabio Morgan, è ispirato al romanzo Petrolio di P.P. Pasolini e racconta le vicende italiane dal delitto Mattei al caso Moro fino alla presa di potere lenta e progressiva di Silvio Berlusconi. Al T. dell’Orologio (23-26). Al T. Argot Studio invece segnalo DON GIOVANNI di Roberto Cavosi, da lui scritto, diretto ed interpretato, accompagnato dalle musiche composte ed eseguite al pianoforte da Alessandro Sgobbio (21-26). Segnalo anche ANGELO e BEATRICE di Francesco Apolloni, regia di Massimiliano Caprara, con Veronica Milaneschi e Michele Botrugno nel nuovo spazio Sidecar (fino al 31).

Giulio Cesare / Julius Caesar - foto: Giuseppe Distefano
Giulio Cesare / Julius Caesar – foto: Giuseppe Distefano

Milano > Marta Cuscunà comincia la sua personale al T. Verdi con La semplicità ingannata (22-26, guarda il video qui sotto e la board su Pinterest curata da Marta). Al T. Oscar, il monologo ANGELO DELLA GRAVITÀ. (UN’ERESIA) di Massimo Sgorbani, regia Domenico Ammendola: la storia di un’eresia, eresia di un’epoca in cui il consumo stesso è diventato la più diffusa delle religioni (21-26). Per la danza, Enzo Cosimi ancora al T. dell’Arte, questa settimana con Welcome to my world (23-26). Io e Julia di Patricia Conti regia Massimo Navone con Monica Faggiani e Cinzia Spanò prosegue le sue repliche al T. Libero (fino al 25).

Toscana > L’ASTA DEL SANTO. UN MERCANTE IN FIERA SULLE VITE DEI SANTI di e con Luca Zacchini e Francesco Rotelli (Gli Omini) apre la stagione del T. Francini di Casalguidi – Serravalle Pistoiese (PT) (26). Tre gli eventi da segnalare a Firenze: Maria Cassi nel suo cult Crepapelle al T. del Sale (22-23, leggi un articolo sullo spazio). Uno festival di monologhi al T. del Romito con FALLING APART con Beatrice Vollaro e Luigi Guerrieri, miglior testo a UNO 2013 (25), Il grande mago di Vittorio Moroni con Luca De Bei è al T. delle Spiagge (22). In provincia di Arezzo invece, a San Sepolcro per Kilowatt tutto l’anno in scena Quattro Studi, della compagnia Aldes e per la regia di Roberto Castello, produzione in work in progress dal vago sapore cinematografico. Quattro interpreti – Mariano Nieddu, Stefano Questorio, Giselda Ranieri, Irene Russolillo – per quattro brani, che innescano un gioco contemporaneamente visivo, musicale e di senso che scaturisce dalla gestualità stessa. Tante le suggestioni, dal cinema alla letteratura, che vengono plasmati in linguaggio unico e nuovo (25).

QUATTRO  STUDI_0918B_foto RCastello_vint-crop
Quattro studi

Simone Pacini

Si occupa di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono state realizzate in 17 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per lo spettacolo dal vivo. Gestisce il b&b Giorni felici a Roma.