Le parole non nascoste di Mario Biagini

Il Teatro è soprattutto un mestiere (in fondo onorabile). Il mestiere è il ponte.

Mario Biagini, direttore associato del Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards.

Mario Biagini. Effetti personali: “Avevo una casa molto grande, piena di cose di cui volevo liberarmi e ho pensato che per liberarmi di quelle cose dovevo liberarmi della casa. Così ho fatto”.

La mia conversazione telefonica con Mario Biagini inizia parlando di cosa sia una Casa e mi pare che questa sua frase dica molto dei suoi “effetti personali”.

parole nascoste

Photo by Oana Turcu

La domanda.

Per Grotowski  l’avventura teatrale è “funzionale” all’avventura della vita e questo dovrebbe valere sia per chi fa che per chi guarda, il teatro.  In che misura gli artisti e il sistema produttivo teatrale italiano, oggi, tengono conto di questa premessa nell’immaginare e costruire la relazione con chi sta in platea? Il Teatro è ancora concepito come un’Esperienza?

Preciso meglio.

Ho la sensazione che se oggi esiste tanto teatro “non necessario” è perché questo teatro non ha molto a che fare con la vita. Se le sale sono spesso disertate forse non è il marketing ad aver perso mordente ma il contenuto. Il marketing può dare massima visibilità, fra le persone giuste, ad un certo prodotto ma se il “prodotto” è culturale ma superfluo (esiste una cultura superflua? una contraddizione!) io non credo che si possa indurre, come con le automobili o i profumi, un bisogno che non c’è. Il “prodotto” qui è troppo sofisticato (non un prodotto semmai una creazione, infatti) e si arriva a farne sentire il bisogno solo se dà davvero risposte, colma vuoti, cerca di farti uscire dalla sala “pieno”. Finché le domande di partenza saranno legate alla soddisfazione del proprio ego o ad altri temi privi di urgenza per la collettività la risposta dello spettatore sarà deludente: semplicemene se ne starà  “alla casa”, come diceva uno straordinario Gidio (Antonio Rezza in “Pitecus”) che riusciva a sentirsi solo e, nello stesso tempo mal accompagnato. Fra l’altro stare in una relazione sana e quindi appagante con lo spettatore non rende più liberi, anche dal punto di vista espressivo? Non amplifica le possibilità invece che limitarle?

La risposta di Biagini

L’importanza del mestiere, il teatro e l’arte come mestieri, dice Biagini. Il mestiere è laddove ci sono tre condizioni: una necessità, le competenze per rispondere alla necessità, un controvalore (comunemente il denaro) che sancisce il valore di questo scambio. La questione messa così è molto semplice. Se non c’è necessità, non c’è arte. Se non c’è competenza, non c’è arte. Se non c’è denaro (o ce ne è troppo) – qui la questione è più delicata ma nodale – non c’è un riconoscimento equilibrato dello scambio. Per cecità, malafede o assenza di mestiere e quindi di arte, dipende dai casi.

Le parole nascoste - Open Program del Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards

Le parole nascoste
– Open Program del Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards

L’incontro con Mario Biagini è avvenuto recentemente a Genova, al festival Testimonianze ricerca azioni 2015, di Teatro Akropolis, dove ha tenuto un laboratorio dal titolo Il fare dell’attore: azione intenzionale e processo creativo e una dimostrazione pubblica di The Hidden Sayings (Le parole nascoste), dell’Open Program of the Workcenter of Thomas Richards and Gerzy Grotowski, che sarà dal 17 al 19 aprile al Teatro Era di Pontedera.

 

Elisa Sirianni

Il teatro nel mio curriculum: la classica passione che si trasforma in professione e quindi in condanna definitiva. Esordio confuso con inevitabile quanto repentino passaggio in palcoscenico, nei panni di “colei che crede di voler fare l’attrice”. Aggiustamento di rotta che ha comportato uno stage nell’ufficio stampa del Teatro dell’Opera Carlo Felice e una Laurea in Lingue, con una tesi dal titolo "Madre Courage e i suoi figli, analisi di una messa in scena"(Mariangela Melato era quella Madre). Poi, in ordine sparso, la cura della comunicazione e/o ufficio stampa, e/o organizzazione per il Teatro della Tosse, ERT e la Compagnia Pippo Delbono, il Funaro, Andres Neumann e il Tanztheater di Pina Bausch, Massimiliamo Civica, Andersen Festival, il Festival internazionale di Andria Castel dei Mondi, Cuocolo/Bosetti, Teatro Akropolis, il Teatro Povero di Monticchiello e alcuni altri. Nelle pieghe del percorso non sono mancate attività in ambito non teatrale che mai verranno condannate abbastanza per la loro timidezza e incapacità di attecchire.

Leggi anche