SIE7E: una web serie che indaga le 7 arti

Un progetto di creazione in video a distanza tra Instabili Vaganti e il collettivo Cross Border di Madrid

Quali sono i confini tra le arti? Questa è stata una delle prime domande che ci ha portati ad ideare il progetto Beyond Borders. Che cos’è La danza? La musica? Il cinema… ma soprattutto: Che cos’è  il Teatro?

In un momento in cui continuano le disquisizioni sul web tra nuove e vecchie forme di teatro, tra interazione o meno con il digitale, tra promotori dello streaming e sostenitori del “solo ed esclusivamente dal vivo”, noi abbiamo voluto condividere queste domande con artisti da ogni parte del mondo, da prima attraverso incontri su zoom, meeting e confronti e poi con un vero e proprio progetto di creazione artistica a distanza promosso dall’Istituto Italiano di Cultura di Madrid in collaborazione con il collettivo The Cross Border Project e il Teatro de la Abadia di Madrid.

Locandina di SIE7E

Così è nata la web serie performativa  “SIE7E”, un progetto che promuove il dialogo interculturale tra Italia e Spagna e che vuole riflettere sull’interazione tra le diverse discipline artistiche attraverso la creazione in video a distanza.  

Come stiamo lavorando a SIE7E in Italia

Come compagnia abbiamo sempre lavorato in spazi particolari: chiese, luoghi abbandonati, villaggi sperduti, paesaggi naturali, ma mai prima d’ora avevamo avvertito questo fortissimo legame che si sta instaurando tra le diverse arti a sostegno e valorizzazione l’una dell’altra. E così musei, luoghi architettonici, spazi naturali sono diventati il set delle nostre azioni performative.

In questi giorni, infatti, an he grazie al Comune di Bologna, abbiamo potuto lavorare e abitare due spazi molto diversi tra loro: Il Museo Civico Archeologico e il Pavillon Espirit Nouveau, il primo scelto a rappresentare la scultura e il secondo espressione diretta dell’architettura in quanto replica fedele in ogni dettaglio, dell’edificio ideato da Le Corbusier e Pierre Jeanneret per l’Esposizione universale di Parigi del 1925

Nicola Pianzola e Elena Copelli sul set di SIE7E nel Padiglione Esprit Nouveau di Bologna_ph_G_Chillotti

Luoghi deputati a diverse arti stanno quindi ospitando le nostre azioni performative che cambiano, si modificano e si adattano alle opere che contengono o alle strutture che le compongono.  In tutto questo il video fa da collante e soprattutto ci consente di rivolgerci ad uno spettatore che altrimenti non sarebbe coinvolto in questo processo creativo.

E in Spagna?

Mentre qui in Italia il teatro si sposta quindi in altri luoghi, in Spagna il nostro partner Cross Border Project continua a lavorare dal vivo, aprendo il suo lavoro artistico attraverso workshop partecipativi che si svolgono in Teatro al fine di allargare la riflessione sui confini tra le arti anche ad altri artisti e non, seguendo la propria vocazione di lavorare in campo educativo e con la comunità.

Due contesti così vicini geograficamente eppure così distanti a causa di scelte differenti in termini di restrizioni agli eventi culturali, possono così confrontarsi mettendo in campo risorse e linguaggi differenti, valorizzandosi a vicenda. 

Nicola Pianzola sul set di SIE7E al Museo Civico Archeologico di Bologna_ph_A_D_Dorno

Il trailer di lancio della serie

“Come possono due compagnie artistiche diverse, una italiana e l’altra spagnola, incontrarsi e creare a distanza?” osserva la direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, Marialuisa Pappalardo, nell’apertura del trailer video del progetto. E ancora “Questa è la ricerca che abbiamo inteso promuovere con il progetto Sie7e. Sette arti per conoscersi, per riflettere e plasmare nuove creazioni di scambio culturale tra Italia e Spagna attraverso un linguaggio unico: quello dell’arte”.

trailer della nuova web serie performativa “SIE7E”

Ilprimo e atteso episodio dedicato all’architettura, sarà fruibile dal 25 febbraio 2021 attraverso i canali social dell’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, della Compagnia Instabili Vaganti e nell’ambito del programma on line #teatroconfinado del Teatro de La Abadia; gli episodi successivi usciranno con cadenza regolare ogni due settimane, sempre di giovedì.

Cosa vi aspetta…

E’ per questo che abbiamo pensato di raccontarvi su instabili vaganti on line per fattiditeatro, il processo di lavoro, i luoghi trasformati in set, i retroscena e le curiosità di questo innovativo progetto. Vi aspettiamo ogni giovedì della settimana che precede le uscite dei video. Prossimo appuntamento il 4 marzo, dopo la visione dell’episodio sull’Architettura, con curiosità, anticipazioni e , perché no, risposte alle vostre domande!

Anna Dora Dorno, Gloria Chillotti, Elena Copelli sul set di SIE7E nel Padiglione Esprit Nouveau di Bologna_ph_N_Pianzola

Per il calendario aggiornato degli episodi puoi visitate il sito di Instabili Vaganti

Instabili Vaganti
Follow us