Nuovo Pubblico Esercizio: con Teatro Magro alla ricerca dei nuovi spettatori dell’Alto Mantovano

Teatro Magro presenta la rassegna Nuovo Pubblico Esercizio (#nuovopubblico su Twitter), che caratterizzerà il territorio dell’Alto Mantovano da febbraio a giugno 2014, in partnership con il Comune di Asola, Comune di Castiglione delle Stiviere, Comune di Cavriana, Comune di Guidizzolo, Comune di Medole, e Comune di Castel Goffredo. L’idea nasce con il proposito di sensibilizzare e accompagnare il pubblico alla fruizione della proposta culturale esistente sul territorio e di quella extra-territoriale, attraverso azioni mirate e progettate in un’ottica di rete. Infatti, la rassegna Nuovo Pubblico Esercizio è stata organizzata a partire da un sondaggio che ha coinvolto i cittadini dell’Alto Mantovano, in particolare i più giovani, categoria fragile e maggiormente esposta al rischio di allontanamento dai luoghi della cultura.

1402128_524149371008373_1552922615_o

Il risultato delle selezioni del pubblico, protagonista per la prima volta della scelta dell’offerta teatrale nel territorio, sarà proposto nell’ambito dei sei comuni partner, che ospiteranno uno spettacolo ciascuno. Si parte con Medole, che ospiterà Be Legend del fiorentino Teatro Sotterraneo, il 1° febbraio. Lo spettacolo fa parte del loro più ampio Daimon Project: in scena uno o più bambini che proveranno a incarnare personaggi storici per come potevano essere a dieci anni, evocati attraverso gesti, giochi, ambienti. A Guidizzolo, il 15 febbraio alle 19, si potrà conoscere Marina Abramovic attraverso The artist is present, un documentario sulla regina della performance art e dell’interazione con il pubblico. Successivamente, alle 21.30 il tema body art e Abramovic sarà sviluppato con Not Here Not Now! di Andrea Cosentino, dissacrante artista della non-scuola romana. Ed eccoci a una produzione del mantovano Teatro Magro che, il 29 marzo a Castel Goffredo, presenterà Senza niente – L’attore, con Alessandro Pezzali, regia di Flavio Cortellazzi.

Si passa quindi a Castiglione delle Stiviere, il 5 aprile, con West di Fanny&Alexander, bottega d’arte di Ravenna. West rappresenta l’estremo dei punti cardinali della storia del mago di Oz, ed è incentrato sulle tecniche della manipolazione sottile del linguaggio pubblicitario. Il 30 aprile ad Asola, Daniele Timpano porterà il suo Aldo Morto – tragedia, rievocazione del sequestro dello statista democristiano di cui l’attore-autore-regista, nato nel 1974 non ha un ricordo personale se non le notizie sentite in televisione dieci anni dopo. Infine, il 14 giugno, a Villa Mirra di Cavriana, Invisibilmente di Menoventi, che è una temperatura oltre che un gruppo teatrale che mette in scena una sorta di Giudizio universale, tentativo di dare forma all’invisibile che mugghia dentro di noi.

L’ingresso costa 10 euro, ma con tessera Npe da 10 euro c’è lo sconto del 50% su ogni evento come pure alle rassegne teatrali di Asola, Castiglione, Guidizzolo e Medole e il bus per il luogo dello spettacolo. Un progetto ambizioso, per un teatro democratico, per incentivare gli spettatori, soprattutto i più giovani, a diventare un pubblico sempre più attento. Non solo, il progetto si propone di favorire anche la coesione sociale, offrendo momenti significativi di aggregazione. Per esempio, per promuovere la rassegna, i formatori teatrali di Teatro Magro interverranno all’interno delle scuole dell’Alto Mantovano in un mini-tour, per raggiungere e invitare capillarmente ragazzi e adulti, in un’attenzione costante alla persona.

Finanziato nell’ambito del bando “Favorire l’accesso alla cultura e la partecipazione del pubblico” di Fondazione Cariplo, “Nuovo Pubblico Esercizio” ha il sostegno della Provincia di Mantova.

Simone Pacini

Simone Pacini si occupa come consulente free lance di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito culturale. Nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma di comunicazione 2.0. I suoi laboratori e le sue partnership che mettono in relazione performing arts e nuovi media sono stati realizzati in 18 regioni. Dal 2015 crea progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per la cultura, in collaborazione con università e imprese culturali. Nel 2018 è uscito il suo primo libro “Il teatro sulla Francigena”.