Social Media Storytelling

Social Media Storytelling Modena

Workshop di social media storytelling
a cura di Simone Pacini

Fattiditeatro propone a teatri, festival, imprese culturali un progetto innovativo 2.0 che utilizzi l’anima ludica e l’immediatezza dei social network. Si tratta di un progetto site specific, ogni volta diverso, che intende svilupparsi in base alle esigenze e alle linee artistiche di chi lo ospita. Raccontare le arti performative attraverso i social media può essere un ottimo strumento di auto-promozione per tutte quelle realtà culturali (medie e piccole) che non hanno risorse (economiche e umane) per attuare politiche di Social Media Marketing, ma che attraverso un racconto empatico possono coinvolgere e ampliare sempre di più la loro community di riferimento. Il racconto sui social diventa anche un mezzo per creare un rapporto speciale fra nuovi spettatori e imprese culturali.

Possibili step:

  • individuazione Social Media Reporter: gruppo di studenti scuole superiori o primi anni università che diventeranno “ambasciatori” del festival (un gruppo di 5/10 persone, requisiti: propensione all’utilizzo dei social + Smartphone con connessione autonoma);
  • formazione dei SMR sull’utilizzo attivo dei social media per un’attività di social media storytelling (racconto dell’esperienza con un hashtag creato ad hoc e i social più adatti ad una narrazione live: Periscope, Twitter, Swarm/Foursquare, Instagram, Vine);
  • Team Building e individuazione dei momenti/percorsi ideali di azione (esempio: incursione nei laboratori, racconti dei momenti collettivi, lavoro specifico su alcuni focus del festival);
  • racconto digitale
    • degli artisti attraverso un incontro (un artista > un SMR) con gli strumenti della scrittura breve, del video e delle immagini per realizzare un profilo social dei protagonisti del festival. Sarà interessante anche seguire le prove e i momenti prima degli spettacoli in camerino. Pacini sarà il Social Media Leader che indirizzerà i giovani SMR verso una narrazione frizzante e non invasiva;
    • di alcuni componenti dello staff del festival nelle loro giornate di lavoro;
    • del territorio (gli spazi teatrali, i quartieri dove si trovano, lo street food locale ecc.) attraverso incursioni 2.0;
  • scegliere un artista/evento che verrà raccontato direttamente attraverso i canali Twitter, Instagram e Vine di fattiditeatro;
  • creare un secondo momento di laboratorio con i social media reporter alla fine dell’esperienza per realizzare due report/narrazioni collettive (uno su Storify, l’altro sul blog di fattiditeatro o su una piattaforma creata ad hoc);
  • proiezione di un Tweet Photo Wall (esigenze tecniche: un videoproiettore + connessione wi-fi) nel luogo più “caldo” del festival/evento: un punto di incontro da individuare dove la visualizzazione dei tweet e delle foto in tempo reale potrà scatenare “socializzazione” tra i presenti e diventare strumento di comunicazione esterna (dal comunicare “a” al comunicare “con”).

social_media_storytelling_lucca

Possibili realtà da coinvolgere:

  • Università/Centri di aggregazione giovanile/Scuole medie superiori/scuole di teatro
  • possiamo contaminare le nostre azioni coinvolgendo realtà operanti sul territorio, come coworking, spazi culturali, agenzie di comunicazione, imprenditori che valorizzano le eccellenze locali, media, trend setter, start-up ecc.

Risultati attesi:

  • sviluppo nuovo pubblico (audience development) attraverso l’intrattenimento educativo;
  • promozione 2.0 dell’evento (attraverso la creazione di contenuti crossmediali per il web);
  • raccontare un evento con occhi nuovi creando empatia con il territorio e la città;
  • relazionarsi con gli artisti e gli stakeholder anche in un’ottica “social” oltre che produttiva, comunicativa e amministrativa;
  • formazione sul web 2.0 (blogging, social media management, social media storytelling);
  • interazione e condivisione fra le diverse realtà coinvolte (nascita di nuovi progetti).

social_media_storytelling_modena2
Durata del progetto
:

da concordare insieme (dai 3 ai 7 giorni)

* È possibile anche realizzare una “master class di social media storytelling” (realizzata a Firenze e Frosinone) della durata di 4/8 ore

Costo:

da concordare in base alla durata del progetto

Progetti realizzati (report):

> Modena – Trasparenze festival/Teatro dei Venti (maggio 2015)

Lucca – I Teatri del Sacro (giugno 2015)

> Gorizia – Invisible Cities Festival (con Urban Experience) (giugno 2015)

> Tivoli – Tivoli Chiama! (con Urban Experience) (giugno 2015)

> Genova – #archivolTU/Teatro dell’Archivolto (novembre-dicembre 2015)

> Bari – #10annifibre: Focus Fibre Parallele/Teatri di Bari (gennaio 2016)

> Modena – #Trasparenze4/Teatro dei Venti (maggio 2016)

> Bari – #maggioallinfanzia/Teatro Kismet (maggio 2016)

> Savigliano e Fossano (CN) – #Comunicacirco/Festival Mirabilia (luglio 2016)

> Brescia – Wonderland Festival (novembre 2016)

> Genova – #Comunicacirco/Festival Circumnavigando (dicembre 2016)


Contattami: 
335.8384927, contact [at] fattiditeatro.it (Simone)

social_media_storytelling_lucca2

social_media_storytelling_lucca4

#Comunicacirco a Mirabilia [foto: Andrea Macchia]

#Comunicacirco a Mirabilia [foto: Andrea Macchia]

Leave a Reply

*